Comandi base del Terminale Linux

Pubblicato: 21 febbraio 2011 in Senza Categoria

Guida all’uso dei comandi nella shell ­ comandi Unix piu’ diffusi
Premessa
La shell è sicuramente una delle parti più importanti di un sistema Unix e si può definire un
programma che implementa l’interfaccia a riga di comando e che esegue i comandi digitati
dall’utente.   Attraverso   la   shell   è   possibile   concatenare   una   serie   di   comandi   riuscendo   a
realizzare   compiti   anche   complessi   con   estrema   velocità   e   flessibilità.   La   shell   è   uno
strumento molto potente e l’unico modo per imparare ad usarla è utilizzarla. Vi renderete
conto che non potete fare a meno di imparare a conoscere ed usare la shell per gestire al
meglio il vostro sistema GNU/Linux. Esistono molte shell Unix diverse, ma molte delle loro
funzioni dipendono dalla shell Bourne, o /bin/sh. GNU/Linux utilizza una versione migliorata
della shell Bourne, chiamata bash. Bash è la shell predefinita per la maggior parte dei sistemi
GNU/Linux.  Durante l’installazione  di un sistema GNU/Linux solitamente  si imposta una
password   di   root   (superuser)   e   si   crea   un   utente   comune   per   poter   lavorare   senza   dover
accedere al sistema come root. A volte lavorando con la shell sarete obbligati a diventare root
per poter eseguire certi comandi, ad esempio se avrete la necessita’ di modificare un file di
configurazione   del   vostro   sistema   GNU/Linux.   Diamoci   da   fare   ed   iniziamo   subito   a
richiamare una finestra della shell. La finestra della shell è una finestra del terminale che a sua
volta

può

essere

definita   una   interfaccia   per   l’utente,   cioè   un   programma   che   accetta   i   comandi   digitati   e
disegna i  caratteri sullo schermo. In pratica il terminale è un intermediario fra la shell e
l’utente.   Apriamo  quindi un terminale  quale konsole  e cominciamo a vedere quali  sono   i
comandi base più diffusi:

cat
il comando cat è uno dei piu’ semplici, questo comando stampa il contenuto di un file ed esce,
cat è ottimo per iniziare a lavorare, provate a digitare:
cat nomefile e vedete cosa succede…
cat vi restituirà il contenuto del file, se provate a digitare solo cat senza alcun file di input e
battete invio, noterete che non tornerete al prompt della shell perché cat è ancora in
esecuzione. Se digitate ora qualsiasi cosa e premete invio, cat ripeterà la riga precedente
finché non uscirete premendo control­D;
cat /proc/cpuinfo
è un’altro esempio di cosa si può fare con cat, questa riga di comando vi mostra la CPU in uso
sulla vostra macchina con informazioni dettagliate;
ls
il comando ls elenca il contenuto di una directory e può contenere diverse opzioni, se digitate
ls ­l ottenete un elenco dettagliato, se digitate ls ­f ottenete informazioni sul tipo di file, se
digitate ls ­a visualizzerete anche i files nascosti, ls ­i vi mostrerà l’inode associato al file;
cp
il comando cp serve per copiare un file, ad esempio:
cp nomefile1 nomefile2;
mentre cp nomefile1 dir copia il file nomefile1 nella directory dir;
cp ­r
copia le directory ricorsivamente;
cp ­a
si utilizza per copiare i file mantenendo intatti i permessi;
mv
il comando mv si usa per rinominare o spostare un file, ad esempio:
mv nomefile1 nomefile2 rinomina nomefile1;
mv nomefile1 dir sposta nomefile1 in dir;
rm
il comando rm cancella un file definitivamente e non potrà essere recuperabile quindi
okkio!!!!!!!!!!!!!!!!!!.
Con l’opzione ­i vi sarà chiesta conferma prima dell’eliminazione del file;
cd
il comando cd serve per cambiare directory, ad esempio:
cd test (supponendo che abbiate normalmente aperto un terminale all’interno della vostra
home e che abbiate una directory test sempre nella vostra “home”);
cd
da solo vi porta alla vostra home;
cd ..
vi riporta alla directory precedente (okkio allo spazio!);
du ­h
il comando du ­h visualizza la quantità di spazio usata nella directory e sottodirectory in “kb”
e “mb”;
df
il comando df mostra le partizioni montate;
top
il comando top mostra i processi in uso dalla cpu (per interrompre Ctrl+c);
ps
mostra una selezione dei processi attivi;
ps aux
il comando ps aux Visualizza i processi e demoni in corso con i relativi pid;
kill
il comando kill uccide un processo;
kill ­9
il comando kill ­9 forza la chiusura del processo;
killall
il comando killall uccide tutti i processi;
mkdir
il comando mkdir crea una nuova directory, ad esempio:
mkdir test;
rmdir
il comando rmdir elimina la directory dir supponendo che essa sia vuota, se
non lo è potete comunque cancellarla con rm ­rf dir;
pwd
il comando pwd vi mostra dove siete… provate per vedere cosa vi riporta il
terminale;
diff
il comando diff vi mostra le differenze fra due file, ad esempio:
diff nomefile1 nomefile2;
file
se non siete certi del formato di un file provate a scrivere:
file nomefile e vedete cosa vi riporta il terminale;
less
il comando less è molto usato per visualizzare un file e spostarsi all’interno del testo con le
frecce “su” e “giù” della tastiera, comodo anche se ad esempio non volete aprire un editor di
testo, esiste anche un’altro comando che è more ma less è più potente e più utilizzato, provate
a digitare:
less nomefile e premete invio per scorrere il testo del file;
ln ­s
il comando ln ­s si usa per creare un link simbolico;
df
il comando df mostra le partizioni montate;
free
il comando free mostra la memoria ram e swap;
find
il comando find si usa per cercare un file, ad esempio:
find nomefile dir;
head
il comando head visualizza rapidamente una porzione di un file, ad esempio:
head /home/stefano/nomefile vi mostra le prime righe di questo file;
tail
il comando tail visualizza anch’esso una porzione di file, ad esempio:
tail /home/stefano/nomefile vi mostra le ultime righe di questo file;
touch
il comando touch crea un file, ad esempio:
touch nomefile crea nomefile;
grep
il comando grep è molto utile per cercare ad esempio una voce all’interno di un file ed è
comodissimo quando si deve lavorare su più files simultaneamente, ad esempio per cercare la
parola root all’interno di tutti i file che sono in una determinata directory provate a scrivere:
grep root /dir/*;
whoami
mostra l’utente associato all’ID corente;
uname ­a
il comando uname
­a vi mostra la versione di GNU/Linux in uso sul vostro sistema;
dmesg
Il comando dmesg ripropone i messaggi visualizzati dal kernel durante l’avvio del sistema.
shutdown ­r now
il comando shutdown ­r now riavvia il vostro computer;
reboot
come sopra;
halt
il comando halt spegne il vostro computer;
fdformat
il comando fdformat /dev/fd0 formatta il floppy disk;
/dev sta per device (cioè dispositivo che in questo caso è il floppy), fd0 è appunto il floppy
disk visto da GNU/Linux;
eject
eject /dev/device espelle il cd­dvd dal lettore ottico;
cal
il comando cal visualizza il calendario;
lspci
il comando lspci vi rende informazioni utili sull’hardware installato;
zip
il comandi zip comprime un file ad esempio:
zip test.zip test.txt crea un file zippato a partire dal file test.txt, unzip test.zip
estrae il file.
lpr
il comando lpr manda in stampa un file;
man
man è il paginatore dei manuali del sistema.  Di  solito  ognuno  degli argomenti  pagina dati a
man è il nome di un programma, di un’utility o di una funzione, la pagina di manuale
associata con ognuno  di  questi argomenti  viene  poi  trovata  e  mostrata;
exit
il comando exit chiude il terminale (si usa anche per uscire da root e ritornare utente normale
all’interno di un terminale aperto, senza dover aprire un’altra scheda o un’altro terminale).
Questa è solo una panoramica dei comandi base che utilizzerete e che vi permetteranno di
lavorare col vostro computer tramite il terminale, ricordate  che la shell è molto potente, vi
può facilitare il lavoro ma potete anche fare danni se non la utilizzate con la consapevolezza di
quello che state facendo nel
momento in cui digitate un certo comando. Cercate di prendere confidenza coi comandi e non
eseguite operazioni potenzialmente pericolose come la cancellazione di file di sistema e di
configurazione, fate sempre un backup dei vostri file prima di effettuare delle modifiche,
almeno fino a che non avrete acquisito una certa padronanza del vostro sistema GNU/Linux.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...